Autore

Massimo Romanò

Cardiologo, Centro Universitario Interdipartimentale di Ricerca in Cure Palliative, Università di Milano