In primo piano

Frammenti di storie

Da una storia personale di migrazione nasce l’urgenza di raccogliere storie di migranti. E di pensare alla migrazione come a un percorso coraggioso accogliendo la diversità nella cura psichiatrica per restituirle uno statuto positivo. Così racconta Davide Bruno, psichiatra e autore di Alle frontiere della 180: un libro di storie di migrazioni e fughe, di adozioni e di coppie omogenitoriali. Il fil rouge che percorre il libro è la necessità di cambiare lo sguardo sui pazienti psichiatrici venuti da altrove e di creare dei legami con la loro origine.

Articoli correlati

Commento

  1. Gianluigi Mansi 8 novembre 2017 at 21:22 Rispondi

    Lo spirito che dovrebbe essere presente in ogni aspetto della psichiatria!
    Bello!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *