logo_vappe

Banner
Numero 796, 23 maggio 2018

DALLE RIVISTE

Dalla ruspa al cacciavite

“La qualità effettiva e la capacità di gestione dipendono dalle decisioni politiche, dalla motivazione e dalla preparazione degli operatori e dalla maturità dei cittadini, dal superamento delle diseguaglianze. Variabili tutte indispensabili, ma difficili da armonizzare”, scrive Mario Nejrotti nell’introdurre il numero di Torino Medica, rivista dell’Omceo di Torino, dedicato ai sistemi sanitari nel mondo. Quello di spostare lo sguardo al di fuori dei confini nazionali è un buon esercizio per trovare una conferma del valore del nostro sistema sanitario pubblico su base universalistica e dell’urgenza di preservarlo. Gavino Maciocco ci invita a riflettere “su quanto potrà durare se le condizioni non cambiano e se la sua sostenibilità sembra poter dipendere solo da un secondo pilastro privato sanitario che i nostri politici presentano come unica soluzione”. Per Gilberto Turati “è urgente che la politica dia una risposta chiara di dove vuole andare col sistema pubblico. In base a quella risposta potremo discutere se ha senso o meno espandere l’attività di intermediazione della spesa privata”. Più che un’azione di ruspa, per Marco Geddes da Filicaia, serve “un’opera di cacciavite, volta a riorganizzare settori e a svolgere un’indispensabile azione di manutenzione e implementazione”.

Cosa è cambiato dal 1978? »
BalTalk: fare i conti con la sostenibilità »
VIDEO | I commenti sul libro di Geddes »

In vetrina

Trisha Greenhalgh
Come implementare l’assistenza sanitaria basata sull’evidenza
Potere, empowerment e pratica professionale
A soli 28,00 23,80 € »
(Riservato agli iscritti a Va’ Pensiero)

In vetrina

Marco Geddes da Filicaia
La salute sostenibile
Perché possiamo permetterci un Servizio sanitario equo ed efficace
A soli 18,00 15,30 € »
(Riservato agli iscritti a Va’ Pensiero)

In primo piano

Migliorarsi

I cambiamenti sono difficili in un sistema così complesso come quello sanitario che coinvolge molteplici attori, con ruoli e interessi diversi, e regolamenti non uniformi che controllano strettamente alcune questioni e toccano a malapena le altre. Per un sistema così complesso un cambiamento imposto dalla politica non avrà mai lo stesso peso del cambiamento clinicamente guidato. Saluteinternazionale.info »

In primo piano

Quarant’anni di 194

Positivo. Così Emma Bonino definisce il bilancio della legge sull’aborto approvata il 22 maggio 1978, dopo anni di battaglie per i diritti delle donne di cui lei stessa è stata protagonista.
A determinare la positività di questa legge è “lo stesso declino del ricorso all’aborto, come i numeri dimostrano”. Dopo quarant’anni, tuttavia, non si può considerare questa una battaglia già vinta, una cosa di cui non occuparsi più. Sentichiparla.info »

Pubblicità ingannevole

Da una parte l’Equazen®, integratore alimentare per bambini con disturbi della coordinazione motoria e dell’apprendimento. Dall’altra la pubblicità che lo promuove su diverse riviste mediche. Con una lettera alla Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico, Maurizio Bonati e Antonio Clavenna spiegano perché questa pubblicità debba essere considerata non veritiera. Politichedelfarmaco.it »

We must change healthcare from an industrial activity to a human one.Victor Montori, Twitter 20.05.2018