logo_vappe

Banner
Numero 760, 19 luglio 2017

DALLE RIVISTE

Troppo di tutto, salvo il tempo

I medici italiani ne sono consapevoli: si prescrivono troppi esami diagnostici, troppe medicine, troppe cure riabilitative. Perché? Solo in parte per l’incertezza insita in ogni decisione clinica.  Giocano un ruolo importante la necessità di sicurezza e il timore di sequele legali. La maggioranza dei medici che hanno risposto all’indagine della FNOMCeO e di Slow medicine si sente responsabile della corretta informazione del paziente per promuovere una medicina più sobria. Servirebbero più tempo a disposizione per dialogare e una ancora maggiore competenza sui modi della comunicazione col cittadino. Metodi e risultati dell’indagine sono pubblicati su Recenti progressi in medicina.

Leggi l’articolo di Sandra Vernero e Guido Giustetto »
Abbonati a Recenti Progressi in Medicina »

In vetrina

Slow Medicine
Le parole della medicina che cambia
Per te a soli 15,00 12,75 € »
(Solo per gli iscritti a Va’ Pensiero)

In vetrina

Sandro Spinsanti
La medicina vestita di narrazione
Per te a soli 15,00 12,75 €
(Solo per gli iscritti a Va’ Pensiero)

In primo piano

L’obiezione di coscienza è un conflitto di interessi?

Si parla tanto di assistenza sanitaria centrata sul paziente ma ci si dimentica del malato quando si lascia troppa discrezione a medici, farmacisti e infermieri nella scelta di quali cure erogare. La scelta di obiettare secondo coscienza è lecita? Dottprof.com »

In primo piano

Corridoi umanitari e iniziative di integrazione

Mario Marazziti, presidente della Commissione Affari sociali della Camera dei deputati, spiega il valore dei corridoi umanitari e del coinvolgimento della società civile in iniziative di inclusione dei rifugiati nella realtà italiana. Careonline.it »

Un cambiamento d’epoca in cardiologia?

Il direttore, Giuseppe Di Pasquale, introduce il numero del Giornale italiano di cardiologia dedicato alle nuove linee guida europee per la prevenzione cardiovascolare. Per la prima volta si enfatizza l’approccio di popolazione senza però trascurare quello individuale. »

Rights don’t often seem as though they matter, until they do. By then, it might be too late.Schona Jolly, The Guardian 14.07.2017