In primo piano

Combattere la solitudine per non perdere la tenerezza

Il tema della solitudine ai tempi della pandemia è al centro di una lettera di Marco Geddes a Quotidiano Sanità e della trasmissione “Otto e mezzo”. La solitudine dei malati condannati a vivere da soli la sofferenza della malattia senza il conforto dei propri cari. Citando le parole dei medici del libro Emozioni virali “è la solitudine: quella di chi non ha potuto vedere i propri figli, i genitori, i compagni. La solitudine più dolorosa, però, è stata quella delle persone malate, sofferenti, che in solitudine sono morte”. | Continua...

Spinsanti porta a Vicenza la sua cura di parole oneste

L’appuntamento è per sabato 17 ottobre, alla manifestazione Gli orizzonti della salute. Sandro Spinsanti parlerà  del suo ultimo libro, La cura con parole oneste, con l’obiettivo di rispondere a un quesito reso ancora più pressante dall’emergenza della pandemia: il centro di gravità della cura si è spostato dall'high touch all'high tech, ma la cura è intrinsecamente costituita da farmaci e parole, e affinché le parole  possano curare  devono essere oneste. Pertanto, quali sono le parole da evitare e quali da privilegiare nella medicina che vorremmo? | Continua...

Covid-19: una grande lezione

Cosa è successo? A che punto siamo e quali iniziative dovremo prendere? Marco Geddes da Filicaia, epidemiologo, in passato direttore sanitario, assessore, vicepresidente del Consiglio superiore di sanità, con una costante vena di umorismo, con molte considerazioni personali e con qualche divagazione che alleggerisce la lettura, analizza una materia complicata da notizie contraddittorie, da polemiche, da incertezze, da lutti, da sofferenze. | Continua...

La dislessia tra realtà, utopie e nuove opportunità

Su Ricerca & Pratica la ricercatrice psicologa Giulia Segre parla del libro La dislessia. Dalla scuola al lavoro nel terzo millennio di Rossella Grenci, che ha il pregio di sottolineare la necessità di una nuova concezione di dislessia, fondata su un modello sociale e non più quello esclusivamente medico. Tuttavia parlare oggi di dislessia come abilità è ancora utopico e distante dai vissuti dei soggetti dislessici e dei loro familiari. | Continua...