In primo piano

Cannabis legale

Tra polemiche e consensi è sbarcato in Senato un decreto legge per la depenalizzazione del consumo e la coltivazione ad uso personale di Cannabis indica. La parola chiave non è “liberalizzazione” (che è il regime attualmente vigente) ma “legalizzazione”, spiega il senatore Luigi Manconi, promotore e sostenitore di questo cambio di rotta. Quindi regolamentazione, produzione, diffusione e commercializzazione controllata dallo Stato per sottrarre i consumatori al regime illegale degli spacciatori e per controllare quelle sostanze stupefacenti che possono essere adulterate secondo esigenze del mercato e non del consumatore.

La questione è che non è il consumo bensì l’abuso di cannabis che può produrre effetti negativi e può far male alla salute – non più, però, di quello di tabacco o, soprattutto, di alcol. La legalizzazione è il regime che meglio consentirebbe campagne di dissuasione dal consumo, come è stato sperimentato con altre sostanze stupefacenti quali il tabacco e l’alcol.

L’efficacia della cannabis nella terapia del dolore è documentata: approvarne l’uso per questa indicazione sarebbe un primo passo o un risultato parziale o poco significativo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.