Interviste

Quando l’esitazione prende il sopravvento

Sostiene che gli scienziati sono snob: come possono ribellarsi i cittadini alla dittatura degli esperti o alla loro onnipresenza? Perché paragona l’aderenza alle abitudini di prevenzione con le montagne russe? Come possono ribellarsi i cittadini alla dittatura degli esperti o alla loro onnipresenza? Lo abbiamo chiesto a Guendalina Graffigna autrice di "Esitanti. Quello che la pandemia ci ha insegnato sulla psicologia della prevenzione". | Continua...

Quell’universo complesso del maltrattamento infantile

“Ti sei voltato dall’altra parte quando il bambino chiedeva aiuto?”. Ecco, questa è la domanda che mi faccio a fine ambulatorio, se ho meritato la fiducia del bambino, se mi sono reso garante della sua protezione, racconta Costantino Panza, co-curatore e co-autore del manuale Maltrattamento all’infanzia che affronta questo universo complesso da diversi punti di vista, attingendo da una vasta letteratura scientifica. Non basta, la diagnosi è solo un primo momento dell’intervento; è necessaria la presenza di una rete istituzionale che possa intervenire integrando due interventi: verso il bambino e verso la famiglia. Quindi pediatri di famiglia, équipe multidisciplinare, rete che unisca i servizi sanitari e i servizi sociali. Solo così si può curare efficacemente questa malattia cronica che ha pervaso tutta la famiglia. 

  | Continua...

Lavarsi le mani, una sana abitudine

Il gesto che salva la vita, ovvero il lavaggio delle mani, da utile raccomandazione è diventato un'abitudine che ci accompagna ogni giorno più volte al giorno ormai da quando è scoppiata l'epidemia di covid-19. A suo avviso, si tratta di un'abitudine che da ora in poi rimarrà stabilmente nelle nostre vite? "Mia madre era sempre molto attenta quando ero un bambino a farmi lavare le mani: forse un’abitudine imparata da mia nonna che aveva vissuto la pandemia della spagnola, un secolo fa". | Continua...

Covid-19: cosa dovrebbe cambiare nella comunicazione scientifica?

Qualcosa non ha funzionato nella comunicazione scientifica sull’emergenza covid-19. Anzi, più di qualcosa. “Questi problemi si sono riversati sulla percezione del problema”, commenta Salvo Di Grazia, medico e divulgatore scientifico. | Continua...