In primo piano

Artemisia annua: un’erba da Nobel

L’Artemisia annua è una pianta erbacea originaria della provincia cinese dello Hunan, da lungo tempo utilizzata in medicina tradizionale.

La sua notorietà nel panorama medico occidentale si è attestata da almeno cinquant’anni, da quando, cioè, si è iniziato a studiarne l”azione antimalarica. Una notorietà che ha raggiunto il culmine con l’assegnazione del Nobel per la Medicina 2015 a Youyou Tu, il medico cinese che è riuscita a isolare nel 1972 dall’Artemisia annua il principio attivo artemisinina che si è rivelato un alleato prezioso nella lotta contro la malaria salvando milioni di vite in tutto il mondo: il suo uso infatti riduce la mortalità per malaria del 20% negli adulti e del 30% nei bambini nelle zone dove la malaria continua a fare vittime.

Per l’artemisinina è stata ipotizzata anche un’attività antitumorale: data la sensibilità dell’argomento, naturalmente l’attenzione della comunità scientifica, e non solo, resta sempre molto alta. Illustriamo qui di seguito le principali caratteristiche di questo principio attivo, cui seguirà una breve panoramica dei principali studi.

Caratteristiche e meccanismo di azione

L’artemisinina è un lattone sesquiterpene molto ossigenato, poco biodisponibile e con un’emivita in vivo molto breve (poche ore), motivo questo per il quale sono stati sviluppati composti sintetici e semi-sintetici. Il meccanismo d’azione schizonticida nei confronti del Plasmodium falciparum si esplica attraverso l’attivazione del legame endoperossidico in reazione ad eme (FPFeII) o ferro ferroso (FeII), con conseguente formazione di potenti agenti alchilanti citotossici (come ad esempio ROS). La crescita e la proliferazione continuata delle cellule maligne richiede un aumentato metabolismo del ferro per il compimento dei processi di sopravvivenza cellulare; pertanto, il metabolismo del ferro e dell’eme sembra giocare un ruolo di rilievo nell’attività citotossica selettiva dell”artemisinina: apoptosi, anti-angiogenesi, interruzione della migrazione, modulazione della risposta recettoriale nucleare, azione anti-infiammatoria, anti-metastatica, e perturbazione di molte vie di trasduzione del segnale. In alcuni studi, infatti, è stata testata la somministrazione aggiuntiva di ferro. Sono chiaramente necessarie ulteriori analisi per comprendere in maniera approfondita i meccanismi d”azione dell”artemisinina e dei suoi derivati. Alcuni ricercatori dell”Istituto Tumori di Milano, ad esempio, sarebbero direttamente coinvolti nella valutazione dell’attività neoplastica della diidroartemisinina. La Direzione Scientifica dell”Istituto ha informato che si tratta naturalmente di modelli preclinici e che i risultati sono comunque incoraggianti.
Questi dati si vanno ad assommare a diverse ricerche condotte nell’ultimo decennio, sempre su modelli preclinici: alcuni degli studi in vitro hanno evidenziato un’efficacia dei derivati dell”artemisinina nell’inibire la crescita di linee cellulari di differenti tumori, quali leucemia, linfomi, melanoma, carcinoma mammario, ovarico, epatico.

Applicazioni cliniche

Per quanto riguarda l’impiego clinico, invece, i dati disponibili in letteratura sarebbero al momento limitati a uno studio su pazienti affetti da NSCLC che ha confrontato l’utilizzo di chemioterapici (cisplatino e vinorelbina) in combinazione o meno con artesunato. Si tratta, ça va sans dire, di un trial condotto da un gruppo di ricercatori cinesi, di indubbio interesse, ma che comunque non dimostra di fatto un’incidenza sulla durata della sopravvivenza dei pazienti. A questo trial si affiancano poi alcuni case report in cui derivati dell’artemisinina sono associati a differenti trattamenti chemioterapici in neoplasie di varia eziologia. In concreto, dunque, non si hanno ancora risultati cospicui e certi sull’impiego di tali molecole nell’uomo, né in termini di efficacia, né di sicurezza.

Parallelamente prosegue anche lo sviluppo di nuovi composti derivati dall”artemisinina, con proprietà farmacocinetiche potenziate. Esperti erboristi, ad esempio, a tal proposito esprimono l’opportunità di guardare all’attività del fitocomplesso dell’Artemisia annua nella sua integrità in quanto alcune delle altre molecole che lo compongono potrebbero presentare un’azione sinergica e modulatrice nei confronti del principio attivo isolato (artemisinina), rendendolo maggiormente biodisponibile, allungandone l’emivita e potenziandone l’azione. Anche in questa direzione, potrebbero essere interessanti ulteriori approfondimenti.

Conclusioni

Indubbiamente, una classe di farmaci antitumorali derivati dall’artemisinina potrebbe rappresentare un’opzione terapeutica a costi contenuti, e con un profilo di sicurezza potenzialmente molto elevato (scarsi effetti collaterali e farmacoresistenza pressoché nulla). Viene spontaneo chiedersi quanto questo possa essere sostenuto oppure osteggiato dagli interessi del mercato farmaceutico, tenendo conto anche del fatto che i farmaci di origine naturale non sono brevettabili.
I presupposti per un farmaco oncologico innovativo e di origine naturale sono, al dunque, positivi e aprono un percorso di ricerche di grande interesse. Quello che probabilmente si rende ancor più urgente, in questo come in altri casi, è un ulteriore passo nella direzione d’incontro tra evidence-based medicine e medicina complementare, che si compia probabilmente a fronte di meno pregiudizi, da un lato, e di maggior rigore scientifico, dall”altro.

Qualche notizia sulle tappe che hanno portato alla scoperta dell’artemisinina da parte di YouYou Tu:

Youyou Tu, il Nobel che ha sconfitto la malaria. Focus.

Nobel: Youyou Tu, sogno che ovunque si goda dei doni della medicina cinese. Panorama.


Bibliografia

Crespo-Ortiz MP, Wei MQ, Antitumor Activity of Artemisinin and Its Derivatives: From a Well-Known Antimalarial Agent to a Potential Anticancer Drug, Journal of Biomedicine and Biotechnology, Vol. 2012, pp. 247597-1-247597-18.
Zhang ZT et al, Artesunate combined with vinorelbine plus cisplatin in treatment of advanced non-small cell lung cancer: a randomized controlled trial, Zhong Xi Yi Jie He Xue Bao. 2008 Feb;6(2):134-8.
Breuer E, Efferth T, Treatment of Iron-Loaded Veterinary Sarcoma by Artemisia annua, Nat Prod Bioprospect. 2014 Apr;4(2):113-8.
Jansen FH et al, First study of oral Artenimol-R in advanced cervical cancer: clinical benefit, tolerability and tumor markers, Anticancer Res. 2011 Dec;31(12):4417-22.
Tin AS et al, Antiproliferative effects of artemisinin on human breast cancer cells requires the downregulated expression of E2F1 transcription factor and loss of E2F1-target cell cycle genes, Anticancer Drugs. 2012 Apr;23(4):370-9.
Krishna S et al, Artemisins: their growing importance in medicine, Trends Pharmacol Sci. 2008 Oct;29(10):520-7.
Lai H et al, Effects of artemisin-tagged holotransferrin on cancer cells, Life Sci. 2005 Jan 28;76(11):1267-79.
Efferth T et al, The anti-malarial artesunate is also active against cancer, Int J Oncol. 2001 Apr;18(4):767-73.
Effert T, Mechanistic perspectives for 1,2,4-trioxanes in anti-cancer therapy, Drug Resist Updat. 2005 Feb-Apr;8(1-2):85-97.
Efferth T, Molecular Pharmacology and Pharmacogenomics of Artemisinin and its Derivatives in Cancer Cells, Curr Drug Targets. 2006 Apr;7(4):407-21.
Singh NP, Lai HC, Artemisinin indices apoptosis in human cancer cells, Anticancer Res. 2004 Jul-Aug;24(4):2277-80.
Chaturvedi Det al, Artemisinin and its derivatives: a novel class of anti-malarial and anti-cancer agents, Chem Soc Rev. 2010 Feb;39(2):435-54.
Nam W et al, Effects of artemisinin and its derivatives oin growth inhibition and apoptosis of oral cancer cells, Head Neck. 2007 Apr;29(4):335-40.
Efferth T et al, Enhancement of cytotoxicity of artemisinins toward cancer cells by ferrous iron, Free Radic Biol Med. 2004 Oct 1;37(7):998-1009.
Willoughby JA Sr et al, Artemisinin blocks cancer growth and cell cycle progression by disrupting Sp1ninteractions with the cyclin-dependent kinase-4 (CDK4) promoter and inhibiting CDK4 gene expression, J Biol Chem. 2009 Jan 23;284(4):2203-13
Buommino E et al, Artemisinin reduces human melanoma cell migration by down-regulating alpha V beta 3 integrin and reducing metalloproteinase 2 production, Invest New Drugs. 2009 Oct;27(5):412-8.
Hou J et al, Experimental therapy of hepatoma with artemisinin and its derivatives: in vitro and in vivo activity, chemosensitization, and mechanisms of action, Clin Cancer Res. 2008 Sep 1;14(17):5519-30.
Zhou HJ et al, Artesunate inhibits angiogenesis and downregulkates vascular endothelial growth factor expression in chronic myeloid leukemia K562 cells, Vascul Pharmacol. 2007 Aug-Sep;47(2-3):131-8.
Berger TG et al, Artesunate in the tratment of metastatic uveal melanoma – first experiences, Oncol Rep. 2005 Dec;14(6):1599-603.
Michaelis M et al, Anti-cancer effects of artesunate in a panel of chemoresistant neuroblastoma cell lines, Biochem Pharmacol. 2010 Jan 15;79(2):130-6.
Jiang W et al, The synergistic anticancer effect of artesunate combined with allicin in osteosarcoma cell line in vitro and in vivo, Asian Pac J Cancer Prev. 2013;14(8):4615-9.

Istituto Nazionale Tumori. Artemisia Annua come cura anticancro: il punto di vista dell”Istituto. 13 febbraio 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.