In primo piano

Giornata internazionale contro la violenza alle donne

Ricorre oggi la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una violazione fondamentale dei diritti umani diffusa in tutto il mondo e in tutte le culture e che ad oggi non accenna a diminuire. Solo in Italia una donna su tre ha subito violenza, per un totale di 6 milioni e 743 mila donne. Ogni anno nel nostro Paese vengono uccise circa 100 donne dal partner o dall’ex.

Ma non si parla solo di violenze fisiche e sessuali: violenza è anche la denigrazione, la dipendenza e la costrizione economica, la mancanza di una reale equità sul lavoro e nelle retribuzioni, l’assenza di un sistema che permetta la conciliazione tra l’essere madre e la vita sociale. Violenza è anche la mortalità materna, come denuncia Amnesty International in questa giornata: ogni anno nel mondo muoiono più di 350mila donne per complicazioni legate alla gravidanza e al parto, e sono morti che potrebbero essere evitate con l’accessibilità alle cure mediche.

Nonostante le leggi e i diritti acquisiti negli ultimi anni, nessun Paese si salva dal registrare questa vergognosa statistica, fatta di segni fisici, talvolta mortali, o psicologici. In questa giornata, le principali associazioni umanitarie esortano l’Unione Europea a firmare e ratificare la Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica del Consiglio d’Europa, adottata nel maggio 2011 e giuridicamente vincolante ma non ancora ratificata da nessuno dei Paesi dell’Unione.

emanuela valente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.