In primo piano

La psichiatria di fronte al terrorismo

Quella che vive il mondo contemporaneo è un’età della paura, non facendo eccezione nemmeno le democrazie, e intendendo per paura il contrario di fiducia. Il terrorismo – in tutto ciò – ha certamente contribuito allo svilupparsi dell’attuale era della paura. E la psichiatria di oggi si domanda tra le altre cose se esista un collegamento tra alcune forme estremiste di religione e psicopatologia.

Quello che la ricerca psichiatrica intanto ha già colto è che paura, insicurezza, urbanizzazione e salute mentale creano un circuito vizioso. Alcuni fattori di rischio di tipo sociale infatti correlano con più alti livelli di insicurezza e quindi maggiore diffusione di sentimenti di paura. Parliamo dello status socio-economico (livello economico ma anche di istruzione), del capitale sociale scarso (vedi supporto sociale) e della segregazione sociale (appartenenza a categorie o minoranze etniche marginalizzati nella e dalla società).

“Tuttavia – ragiona Michele Ribolsi sul fascicolo di Noos dedicato ad alcune attualità in psichiatria – è importante tenere a mente che la correlazione non è un rapporto di causalità. La ricerca suggerisce piuttosto l’esistenza di un rapporto reciproco”. Rapporto per il quale per esempio individui con condizioni di salute peggiori o che hanno vissuto eventi di vita difficili e sperimentato traumi tendono maggiormente a collocarsi in aree più deprivate o svantaggiate; oppure per cui il crescere e vivere in contesti urbani influenza lo sviluppo di malattia, quale per esempio la schizofrenia.

Ma Ribolsi ragiona anche su migrazione e salute mentale da una parte, e su terrorismo e salute mentale dall’altra. Nel caso del primo binomio un dato allarmante viene da un’analisi condotta da Medici senza frontiere: su 2600 migranti sbarcati nel porto di Augusta, la prevalenza registrata di disturbi psicologici e cognitivi è stata del 40%, in particolare di sindromi psicopatologiche quali disturbo da stress post-traumatico (10,2%), ansia (39,6%), depressione (46,1%) e sindromi da somatizzazione (25,6%). I fattori di stress grave per i rifugiati sono i traumi, spesso violenti, subiti nei paesi di origine, il viaggio stesso e l’arrivo. “La fase della post-migrazione sta diventando sempre più importante: isolamento sociale, segregazione, difficili condizioni economiche rappresentano fattori di rischio per la salute sia fisica che mentale”.

Su terrorismo e salute mentale, invece, si è sviluppato recentemente (anche sulla scia degli attacchi terroristici di Parigi del 13 novembre 2015) un filone di ricerca specifico che  – da un lato – cerca di capire come persone giovani in Europa si radicalizzino e decidano di sposare la jihad (caratteristiche che gli estremisti sembrano condividere sono il risentimento verso la società e il bisogno narcisistico di riconoscimento); e – dall’altro – se gli autori di attacchi terroristici soffrano o meno di un disagio mentale, rappresentando quindi “i volti moderni della psicopatia”.

Manuela Baroncini
Il Pensiero Scientifico Editore

 

Leggi l’articolo di Michele Ribolsi su Noos 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.