Notizie

La paura del contagio

Le paure di chi cura – medici e infermieri – sono le stesse dei malati e, in generale, della gente? È solo una delle domande intorno alle quali il gruppo di lavoro del progetto Forward ha dialogato con una parte importante dello staff dell’Istituto nazionale per le malattie infettive, l’Irccs Spallanzani di Roma, venerdì 21 giugno. Paura e coraggio viste da chi è esposto quotidianamente ad alcune delle maggiori preoccupazioni sanitarie dei nostri tempi: le malattie infettive emergenti. | Continua...

Medicina conservativa, ovvero proteggere dall’arroganza

La medicina conservativa non si fida di quello che dicono gli informatori scientifici o le riviste mediche sponsorizzate, ma mette al centro del suo interesse il paziente – un paziente alla volta – e con sapienza sartoriale cuce per lui una terapia ad hoc che tenga conto dei rischi reali e dei presunti benefici, scrive nella rubrica "Camici & pigiami" di Paolo Cornaglia Ferraris riferendosi all’editoriale di John Mandrola su rivista Recenti Progressi in Medicina. | Continua...

Il futuro della medicina implica un approccio etico della cura

“La professione medica tra scienza, deontologia e diritto” è il titolo di un incontro, in programma il prossimo 15 giugno  a Bologna, in cui si cercherà di far luce sui complessi legami che intrecciano i suddetti ambiti nello svolgimento della pratica clinica e della relazione di cura. Ambiti che sono in continua evoluzione e, proprio per questo, richiedono  che la professione medica cerchi di evolvere in parallelo e in modo coerente per mantenere il suo ruolo nella società. | Continua...

La cura più efficace? Un buon dialogo tra medici e pazienti

Arriva in libreria Il dialogo e la cura. Le parole tra medici e pazienti, di Silvana Quadrino. Perché il dialogo abbia realmente luogo è necessario che il medico provi “un genuino interesse per ciò che l’altro è; deve avere imparato che vederlo, ascoltarlo, non è solo una buona azione che lo connota come medico buono, ma una componente essenziale del suo intervento di cura. È utile. Serve al medico quanto al paziente”.

  | Continua...