In primo piano

Rischio ictus dal parrucchiere

Andare dal parrucchiere può provocare un ictus? Sì ma è un evento davvero molto raro e per accadere deve esserci una causa sottostante, come descritto in uno dei casi clinici descritti su Recenti Progressi in Medicina. È il “caso” di una donna che dopo lo shampoo dal parrucchiere ha avuto un ictus per una dissecazione dell’arteria cervicale.

La dissecazione dell’arteria cervicale (DAC) è un’alterazione vascolare rara che consiste in una lacerazione della parete dell’arteria che porta il sangue al cervello. È una delle cause dell’ictus ed è più frequente nei casi che si registrano in persone con meno di 55-60 anni che non presentano particolari fattori di rischio. Secondo i dati riportati in letteratura il 15-20 per cento dei casi di ictus giovanile è causato dalla DAC.

I medici del Dipartimento di medicina interna delle Sapienza Università di Roma spiegano che la paziente era un 51enne non fumatrice con una storia clinica di diabete, ipertensione arteriosa e malattia di Hashimoto. Si era presentata al pronto soccorso lamentando un formicolio agli arti destri. Due giorni prima era andata dal parrucchiere e due ore dopo lo shampoo aveva avvertito un torpore alla gamba destra con perdita di forza e la tendenza a virare verso destra quando camminava.

Tac cerebrale e risonanza magnetica rilevano un’area ischemica senza emorragia nella regione dell’arteria cerebrale media che è stata prontamente trattata con anticoagulante. Ma nel giro di pochi giorni il quadro clinico peggiora: la paziente accusa prima mal di testa, difficoltà nel parlare e stato confusionale, fino a diventare insensibile agli stimoli esterni e sviluppare ipotensione e asistolia. L’esito è fatale: la paziente muore dopo le manovre RCP di rianimazione cardiopolmonare. La risonanza magnetica con contrasto alla testa e al collo richiesta urgentemente ai primi segnali di peggioramento aveva mostrato una dissezione della arteria carotide interna sinistra.

“La domanda chiave è se la paziente avesse un difetto intimo-mediale o se questo fosse derivato da traumi banali a seguito della visita del salone di bellezza”, commentano gli autori spiegando che in letteratura ci sono altri casi simili ma sono sporadici: il quadro clinico è variabile con sintomi da più lievi a più gravi e potenzialmente letali e le opzioni terapeutiche finalizzate a ridurre al minimo il rischio di ictus e il peggioramento dei sintomi non sono ben chiare e definite.

I principali fattori di rischio delle dissecazioni sono da ricondurre a malattie rare del connettivo, quali per esempio sindrome di Ehlers-Danlos, di Marfan, fibrodisplasia). Tra i fattori esterni responsabili – spiegano i clinici della Sapienza – si annoverano principalmente i traumi cervicali causati dagli incidenti stradali e, meno frequentemente, da procedure quali la manipolazione e l’iperestensione prolungata del collo. Diversi casi di DAC sono presenti in letteratura dopo sedute chiropratiche, procedure odontoiatriche ed endoscopiche, e dopo il parrucchiere come testimonia il caso clinico descritto. “L’iperestensione della testa e la manipolazione del collo sono generalmente sicure, ma sottolineiamo l’importanza che vengano rilevati nell’anamnesi come fattori di rischio banali di ictus, specialmente nei pazienti più giovani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.