In primo piano

Slow medicine

In Italia sta partendo il movimento Slow medicine per una medicina sobria, rispettosa e giusta:

– sobria, perché fare di più non vuol dire fare meglio
– rispettosa, perché valori, aspettative e desideri delle persone sono diversi e inviolabili
– giusta perché promuove cure appropriate e di buona qualità per tutte e per tutti

Una iniziativa nata dal comune sentire di professioniste e professionisti esperti in medicina, psicologia, psicoterapia, tra i quali Giorgio Bert, che è anche uno dei fondatori di Slow Food.

Il battesimo ufficiale sarà il 29 giugno a Ferrara, con una giornata di studio che affronterà alcuni temi in una prospettiva “slow”: la prevenzione e la promozione della salute, le buone pratiche comunicative, genitorialità e salute, gli anziani, la malattia.

arabella festa

Per saperne di più
La locandina (PDF: 75 Kb)
Il programma (PDF: 45 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.