In primo piano

Attraverso lo schermo. Uno sguardo sull’autismo

Maurizio Bonati ci introduce al libro Attraverso lo schermo. Cinema e autismo in età evolutiva, un viaggio tematico attraverso la storia del cinema fatto di riflessioni e sensazioni sul mondo dello spettro dell'autismo per contribuire a un cambiamento in un’area caratterizzata da bisogni inevasi. "Le caratteristiche dello spettro sono molte e hanno ancora bisogno di essere conosciute, comprese e adeguatamente rappresentate. Ma questo prescinde dal cinema e dall’autismo, dipende dallo 'sguardo' che ciascuno rivolge all’altro nella vita quotidiana. Come dice la regista Kathryn Bigelow: scopo (anche, aggiungo io) del cinema è scuotere per portare a un cambiamento". | Continua...

Fake news? Se le riconosci le eviti!

Bufale o fake news (che dir si voglia): ignoranza e interesse economico a braccetto. Sabato 16 marzo, ad Arezzo, presso la sede dell’Ordine dei medici si tiene un corso per medici e giornalisti sul tema della comunicazione della scienza e della salute tra evidenze e fake news. Si parlerà anche di Dottoremaeveroche.it, il sito della Fnomceo che si propone di combattere le fake news attraverso il vaccino della buona informazione. | Continua...

Attraverso lo schermo, per una concretissima utopia

La notte degli Oscar si è conclusa da poche ore e adesso sappiamo che ad aver vinto il premio più importante è stato “Green Book”, il film che racconta l’amicizia tra un virtuoso del piano afroamericano e un italoamericano che supera i suoi iniziali pregiudizi. Come ha dichiarato il regista Peter Farrelly: "Questo è un film sull'amore che supera le differenze". Un po’ come succede nel libro Attraverso lo schermo. Cinema e autismo in età evolutiva di Maurizio Bonati. | Continua...

Siamo animali sociali

Burn out. Quando vorresti urlare ma gli altri non capirebbero perché. Pochi minuti per parlare con il paziente e almeno il triplo da spendere faccia a faccia con il computer per completare le procedure amministrative e compilare la cartella clinica elettronica. Un sacco di tempo dedicato alle email che attendono risposta. Il silenzio “perché è meglio che faccio da solo”. Tra poco, anche per noi, perfino la telemedicina e la realtà virtuale, ulteriori possibili barriere invisibili per le relazioni umane. | Continua...