In primo piano

Farsi carico di fragilità

“La notte quando sarò di guardia, andrò a caccia di un’impressione…”. Si propone così il piccolo libro ricco di foto e povero di parole dal titolo Il passo della notte, a cura di Naretto e Vergano (Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, 2009).

L’introduzione fa riferimento a un sito che pochi medici frequentano. Raccontano storie di una medicina sconosciuta ai non addetti. I modi veri con cui le persone vengono curate e alle quali la tecnologia non è imposta come ostile applicazione pratica di un progresso temibile. Successi ed errori, speranze e tragedie.

Forse la fotografia migliore del nuovo che accoglierà la medicina del prossimo decennio. Finita l’ubriacatura tecnologica e archiviata ogni illusione “alternativa”, la medicina moderna riscopre i valori della relazione e gioca la riconquista della sacralità antica, il dovere di proporsi come arte del curare, farsi carico di fragilità.

Auguri a tutti i medici e gli infermieri che ciò hanno capito e che spendono le proprie notti zoccolando nei corridoi degli ospedali.


Recensione pubblicata sull’inserto “Salute” di La Repubblica, 12 gennaio 2010.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.