In primo piano

Finalmente è arrivato il “di”…

L’epidemiologia, un termine rigorosamente sanitario nella sua accezione e nelle sue pratiche attuali. Appartiene alla medicina e poco al diritto, alla politica, all’economia e alla sociologia. Eppure, quale disciplina che descrive, quantifica, rende valutabili i bisogni della popolazione, è un valido strumento per pesare i diritti, gestire i bilanci e definire le priorità.

Epidemiologia di cittadinanza vuole unire due lemmi eterogenei per una contaminazione positiva di culture e discipline apparentemente diverse, che si traduce in linguaggio comune e trasversale.

“L’obiettivo dell’epidemiologia di cittadinanza (EdC) è che i cittadini non siano oggetto di studio ma soggetto di diritto; che quando incontrano la malattia non siano solo oggetto di intervento, ma anche co-soggeto di intervento per decidere insieme”, ci spiega uno dei suoi autori Gianni Tognoni. Individui, popolazioni, problemi devono essere ricondotti ad essere cittadini che possono prendere la parola come soggetti-protagonisti, al di là del loro ruolo assegnato di essere un oggetto di un intervento.

“Il libro è leggibile, ma non è immediatamente facile perché chiede di entrare in un progetto di lavoro”, continua Tognoni. È un invito ad approfondire perché se si rinuncia di approfondire la realtà, in quanto complessa, si rischia di non prendere sul serio la realtà.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.