In primo piano

I nostri preferiti al Pensiero

 
Se in un mondo di libri pubblicati in uno o più anni non è difficile scegliere il “migliore”, è più complicato farlo nel catalogo di una singola casa editrice.  Giudicare i singoli libri del catalogo di un editore è, se non impossibile, almeno un po’ ingiusto o arbitrario; un titolo può sembrare “il migliore” solo perché un insieme di altre opere uscite prima o dopo di lui ne ha preparato la strada o lo ha sostenuto.

Al gioco del giudizio personale si sono prestate otto redattrici e redattori del Pensiero Scientifico Editore e di Think2it: ma non del più bello, hanno parlato. Piuttosto, del loro libro preferito, ed è una differenza non da poco…

VIDEO. I “preferiti” scelti e raccontati dallo staff

Norina Di Blasio
vuoto
 Norina Di Blasio, redattrice web, ha scelto 
 Psicopatologia generale, di Karl Jaspers 
vuotovuotovuoto
Visitare l’ex manicomio di Roma a quasi 40 anni dalla rivolta del padiglione 16, che segnò l’inizio della battaglia per la deistituzionalizzazione dei pazienti psichiatrici, mi ha riportato a pensare alla legge Basaglia e alle parole di Bruno Callieri che avevo intervistato per Va’ Pensiero: “Perch la malattia mentale non era solo un fatto del cervello, ma era qualche cosa che ingranava nell’ambito psicosociale”.  E mi ha spinto a rileggere Jaspers che ha saputo mettere al centro della Psichiatria la componente psicosociale della malattia mentale. Perch, come ricorda Luciano De Fiore, "secondo Jaspers si dovrebbe sempre mirare a realizzare una relazione profonda tra il mondo del paziente e chi ne ha cura, in modo da far tesoro dei suoi pensieri e sentimenti". Penso che ancora oggila Psicopatologia generale di  Jaspers sia un passaggio necessario per comprendere e “tollerare il non senso”.vuoto
vuotovuotovuotovuoto
footer
 
vuoto
 Benedetta Ferrucci, redattrice web, ha scelto 
 Geoffrey Rose e la strategia della medicina preventiva 
vuotovuotovuoto
È uno dei miei libri preferiti “del Pensiero” perch: lo sorregge un poderoso impianto etico; si apre con una citazione di Dostoevskij “Siamo tutti responsabili di tutto per tutti” che basterebbe già da s a spiegare l’intero libro; si chiude con una frase che non lascia scampo “I determinanti principali della malattia sono di natura economica e sociale, di conseguenza anche i rimedi devono essere economici e sociali.”vuoto
vuotovuotovuoto
Benedetta Ferrucci
footer
 
Arabella Festa
vuoto
 Arabella Festa, redattrice riviste e web, ha scelto 
 La comunicazione diseguale, di Lucia Fontanella

 
vuotovuotovuoto
Letto, e sottolineato, in treno in poche ore, lo regalerei a tutte le persone che lavorano in Sanità e che devono comunicare con le persone malate, che sono cioè in una posizione di fragilità e impotenza. E a tutte le persone che sono state, o potrebbero essere, ricoverate. Cioè, a tutti. “Nella comunicazione diseguale si riscontra in particolare uno sbilanciamento nel possesso dello spazio, del tempo, della lingua. Si trova soprattutto in certi ambienti: l’ospedale, la scuola, il tribunale (la caserma…). Diseguale perché in quegli ambienti le persone non hanno lo stesso potere, e tutto ciò che accade ne risente.”vuoto
vuotovuotovuotovuoto
footer
 
vuoto
 David Frati, redattore riviste e web, ha scelto 
 Web 2.0 e social media in medicina, di Eugenio Santoro 
vuotovuotovuoto
Scelgo questo libro perché amo i marciapiedi delle grandi città.
Il flusso caotico di persone di ogni colore, di ogni umore, ognuna col suo passo e i suoi guai. Il moto browniano, le scie di luce che come traccianti tagliano a fette il buio in certe foto scattate di notte. E quando si parla di Web e Social Network in Medicina si affronta una complessità non meno caotica, non meno riottosa alla razionalizzazione, non meno cieca e feroce: ma allo stesso tempo non meno sorprendente, non meno stimolante, non meno potenzialmente salvifica. Ci si avventura nell’oceano ribollente e profondo della comunicazione nel campo della salute, che dal livello istituzionale – magari ingessato, spesso inquinato, sempre anacronistico – scende via via fino a quello professionale, tra medici che non amano il confronto e pochi pionieri smanettoni. E infine si arriva al fondo limaccioso dell’ultrapersonale, della condivisione di un’esperienza di malattia o di un percorso di guarigione spesso accidentato. Alla solitudine, alla rabbia, alla protesta, alla vanità della sofferenza, perché no. Quanti incontri, su questi marciapiedi.
vuoto
vuotovuotovuoto
David Frati
footer
 
Silvana Guida
vuoto
 Silvana Guida, redattrice volumi, ha scelto 
 

Medicina narrativa. Storie e parole nella relazione di cura,
di Giorgio Bert

 
vuotovuotovuoto
Corposo, denso; se lo si lascia decantare sprigiona la sua intensità; se lo si assapora lentamente se ne riconosce tutta l’importanza: Medicina narrativa è così, come un buon rosso d’annata, un libro sempre godibile, che riporta la medicina nella trama e nella complessità della vita e ricorda ai medici che, ancor prima di essere tecnici, essi sono persone che, nella cura, portano la propria storia e incontrano quella del paziente. Storie che, con questo libro accanto, è possibile imparare a leggere e narrare affinando l’arte necessaria per tessere un’autentica relazione di cura. Cosa c’è di più affascinante, antico e attuale? In alto i calici, dunque, e buona lettura!vuoto
vuotovuotovuotovuoto
footer
 
vuoto
 Alessio Malta, redattore volumi, ha scelto 
 La pratica del primary nursing, di Marie Manthey 
vuotovuotovuoto
Nel settore dell’assistenza infermieristica c’è un prima di Marie Manthey e un dopo Marie Manthey. Il Primary Nursing, che elaborò nel 1969 assieme ad altri colleghi dello University of Minnesota Hospital, è semplicemente il miglior sistema  di organizzazione del lavoro possibile: l’infermiere si assume la responsabilità di gestire e coordinare tutti gli aspetti dell’assistenza del singolo paziente. Meno burocrazia, più sicurezza, più soddisfazione. Se pensate che formule come “il mio infermiere” e “il mio paziente” siano soltanto retaggi del passato, scoprirete tra le pagine del libro come la relazione terapeutica possa diventare ancora il fulcro di un metodo fatto di continuità e responsabilità che riconcilia tutti col lavoro di corsia.vuoto
vuotovuotovuoto
Alessio Malta
footer
 
Bianca Maria Sagone
vuoto
 Bianca Maria Sagone, redattrice volumi, ha scelto 
 Sovradiagnosi, di H. Gilbert Welch 
vuotovuotovuoto
Fin dove è lecito, e consigliabile, spingersi per sentirsi sani? Quali sono le ricadute dell’eccesso di screening medici e test diagnostici nelle persone che non lamentano alcun sintomo? Questo libro, stimolante e provocatorio, invita a non dar nulla per scontato quando è in gioco la salute. Gilbert Welch ha il dono di saper affrontare in modo estremamente chiaro grandi temi della medicina preventiva, fornendo a medici e pazienti una prospettiva del tutto nuova per inquadrare i non sempre chiari confini che separano la salute dalla malattia. Una lettura che non può lasciare indifferenti.vuoto
vuotovuotovuotovuoto
footer
 
vuoto
 Emanuela Valente, redattrice web, ha scelto 
Scarpe slacciate e altre strane malattie,
di Shirley Blotnick Moskow
 
vuotovuotovuoto
Il pianto di un neonato ha una potenza paragonabile a quella di un martello pneumatico, i bulbi di giunchiglia vengono scambiati per cipolle e l’incisione di zucche per Halloween causa una lesione tipica della prima infanzia che colpisce con taglierino da boyscout nel 93% dei casi la mano sinistra. Sembrerebbe una sceneggiatura per un ciak di Caruso Paskoski o per una delle ipocondriache interpretazioni di Carlo Verdone, invece sono solo alcune delle lettere giunte a The New England Journal of Medicine, il più autorevole strumento di aggiornamento medico a livello internazionale.  Sciatica da tasca piena, capezzolo della podista e congelamento del pene per chi fa jogging sotto lo zero sono solo alcuni dei casi narrati da medici che quotidianamente devono provvedere alla cura  di pazienti talvolta imprudenti o semplicemente incapaci di allacciarsi le scarpe. Eseguendo l’anamnesi di almeno 134 familiari, viventi o deceduti, ognuno di noi troverà nella propria famiglia almeno un caso clinico degno di essere segnalato.vuoto
vuotovuotovuoto
Emanuela Valente
footer

18 dicembre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *