logo_vappe

Banner
Numero 1005, 30 novembre 2022

DAL WEB

Che cosa abbiamo imparato?

Si conclude oggi la serie di podcast Archie. Perché la salute ci riguarda per capire insieme come prendere le decisioni migliori per la propria salute e per la sanità pubblica.

Marta e Luca ripercorrono i punti chiave a cui sono giunti in compagnia di cani, gatti, cicogne, balene, porcospini e bufale, arrivando alla conclusione che la ricerca può ridurre l’incertezza ma non eliminarla.

  • La buona ricerca è fatta di trial clinici randomizzati controllati ma non sempre realizzabili.
  • Difficilmente gli studi osservazionali possono dimostrare una relazione di causa-effetto tra due fenomeni.
  • Quasi mai un singolo studio può dirci quale sia la strada da prendere.
  • Per rispondere a un quesito clinico serve una sintesi delle evidenze.
  • I risultati degli studi condotti su animali non sono conclusivi.
  • Una rivista prestigiosa non è una garanzia: i conflitti di interesse sono sempre in agguato.

Su Spotify
La sesta e ultima puntata »
L’intera serie »

In vetrina

Archibald Cochrane
Efficienza ed efficacia
Riflessioni sparse sui servizi sanitari
A soli 18,00 15,30 € »
(Riservato ai lettori di Va’ Pensiero)

In vetrina

Alberto Eugenio Tozzi
Impazienti
La medicina basata sull’innovazione
A soli 16,00 13,60 € »
(Riservato ai lettori di Va’ Pensiero)

In agenda

Il gattopardismo

“Un’antica tradizione e una nuova tecnologia sono confluite per dar vita a un bene pubblico senza precedenti”: a vent’anni di distanza dalla Budapest open access initiative, la rete delle biblioteche Bibliosan organizza un workshop sui modelli del medical publishing. A Roma, venerdì 2 dicembre. pensiero.it »

In primo piano

Trial clinici con etica

Se vi sono da un lato ragioni convincenti per sostenere la necessità della ricerca clinica sull’uomo tramite i trial clinici controllati e randomizzati, scrive Massimo Sartori, dall’altro esistono precise garanzie che salvaguardano i partecipanti agli studi. Il paziente è un fine o un mezzo?  ilpunto.it »

In primo piano

Non perdiamoci di vista

La pandemia ha accelerato il ricorso alla telemedicina. Molti medici e decisori hanno messo da parte lo scetticismo riconoscendone l’utilità nell’organizzazione dell’assistenza territoriale e in particolare la gestione delle malattie cronica. Ora a che punto siamo tra Pnrr, cambi di paradigma e linee guida? sentichiparla.it »

La bellezza di tutta questa storia sta nella sua continua incertezza.Annie Ernaux, in Perdersi, citata nel blog di Richard Smith 26.11.20222