logo_vappe

Banner
Numero 816, 7 novembre 2018

Dalle riviste

Quarant’anni fa, per il diritto alla salute

Prima la legge 180 definita dallo stesso Franco Basaglia “l’evento pubblico più coinvolgente dopo la Costituzione per i cittadini”. A seguire la riforma sanitaria alla quale l’Italia arrivò in un sistema sociale ed economico cresciuto in maniera disorientata e irrispettosa dei diritti dei cittadini. La doppia riforma del 1978 – racconta Luca De Fiore su Assistenza Infermieristica e Ricerca – portava un cambiamento profondo e coincidente con un periodo di difficile crisi economica che rendeva indispensabile sperimentate nuove soluzioni. In quegli anni, caratterizzati da uno straordinario fermento politico e culturale, alcune case editrici italiane hanno avuto un ruolo fondamentale svolgendo un lavoro socio-sculturale per l’affermazione di un diritto, quello alla salute, e per l’educazione alla libertà. “Oltre a essere un diritto, la salute è anche da intendere come una libertà basata sulla informazione e sulla partecipazione”.

Leggi l’articolo completo »
Abbonati a Assistenza Infermieristica e Ricerca »

In vetrina

Davide Bruno
Alle frontiere della 180
Storie di migrazione e psichiatria pubblica in Italia
A soli 18,00 15,30 € »
(Riservato agli iscritti a Va’ Pensiero)

In vetrina

Francesco Taroni
Politiche sanitarie in Italia
Il futuro del SSN in una prospettiva storica
A soli 26,00 22,10 € »
(Riservato agli iscritti a Va’ Pensiero)

In primo piano

Confini labili

Non mancano esempi di fundraising da parte delle fondazioni di enti governativi per finanziare la ricerca pubblica. I donatori sono organizzazioni quali la Gates Foundation oppure le industrie. Con il crescere della popolarità delle partnership pubblico-privato, si legge sul sito del Lown Institute, “la linea di demarcazione tra indipendente e finanziato dall’industria è sfumata”. Non sarebbe più semplice prevedere un minimo aumento di imposte? Dottprof.com »

In primo piano

Stampa libera

In occasione della Giornata mondiale per porre fine all’impunità dei crimini contro i giornalisti il Lancet invita a riflettere sul valore che il giornalismo può avere per la salute e il benessere della società, portando all’attenzione del pubblico tematiche sociali, sanitarie e legali che altrimenti resterebbero all’oscuro o in secondo piano. E, non da ultimo, esorta a ragionare sul forte collegamento fra libertà di informazione, legalità e giustizia, a tutela dei cittadini. Torinomedica.org »

Sale sì, sale no?

Nonostante i progressi nella diagnosi e nella gestione, la prevalenza di insufficienza cardiaca è in costante aumento: si stima che colpisca oltre 26 milioni di persone nel mondo. La restrizione dell’assunzione di sale è raccomandata in molte linee guida. Tuttavia, stando a una revisione sistematica apparsa sul Jama Internal Medicine, i vantaggi per l’insufficienza cardiaca di una dieta ipocalorica si fonderebbero su evidenze traballanti e non di alta qualità. Bal.lazio.it »

Lots of what we measure in #medicine is unimportant, and lots of what is important is unmeasurable.Danielle Ofri, Twitter 07.11.2018